Perché i giochi come servizio uccideranno i videogiochi

I videogiochi sono in circolazione da un po’ di tempo ormai. Sono il passatempo preferito di molte persone e persino un modo per fare soldi. Giocare ai videogiochi è passato da hobby a lavoro molto rapidamente, soprattutto quando sono nate piattaforme di video e live streaming come YouTube e Twitch. Con queste piattaforme, molte persone hanno preso in mano i loro controller sperando che sarebbero diventati i prossimi giocatori che fanno milioni facendo ciò che amano. Con più persone che giocano, gli sviluppatori dei giochi devono offrire prodotti migliori e più aggiornati. Anche se questi prodotti non sono i migliori, alla fine fanno tutto per i soldi, perché è un business.

Quando i videogiochi sono stati rilasciati per la prima volta, erano un’impresa incredibile e tutti erano unici a modo loro. Anche se non sembravano così belli negli anni ’80 e ’90, offrivano qualcosa che anche molti giochi di oggi non offrono. E quel qualcosa è la qualità. Negli ultimi 5 anni circa, i videogiochi hanno iniziato a diventare più un servizio che un vero e proprio intrattenimento. Lentamente gli sviluppatori Triple A hanno iniziato a incorporare microtransazioni nei loro giochi, molto diverse dai DLC (Contenuti scaricabili). Il DLC era sempre un’espansione o più contenuti aggiunti per rendere il gioco più giocabile, a sua volta rendendo i giocatori più intrattenuti e desiderando di più. Il problema risiede nei videogiochi che cercano di vendere pezzi del loro gioco che avrebbero dovuto essere gratuiti o sbloccati giocando effettivamente invece di inserire semplicemente un numero di carta di credito per sbloccare detti eroi o oggetti. Questa è una pratica comune di recente e ha sollevato molti problemi, e anche molti paesi considerano il gioco d’azzardo “loot box”, che in realtà lo è. Una loot box nei videogiochi è quando un giocatore utilizza la valuta di gioco o la valuta reale per ottenere un oggetto casuale o un insieme casuale di oggetti. Ora il valore di questi oggetti si basa su una scala, alcuni giocatori riceveranno oggetti rari o di qualità superiore rispetto ad altri semplicemente in base alle probabilità. Questo è principalmente rivolto ai giocatori più giovani che sono più ingenui e sono disposti a spendere tutti i soldi che hanno per un gioco per apparire più belli o giocare meglio. Tutto solo per anticipare la curva.

Questa pratica è estremamente pericolosa non solo perché promuove il gioco d’azzardo tra i bambini, ma può creare dipendenza. Ci sono molti casi in cui le persone spendono migliaia di dollari solo per ottenere un singolo oggetto o per potenziare il proprio personaggio o la propria squadra. Chiaramente, agli sviluppatori non interessa, perché sono solo più soldi per loro, ma non guardano mai a cosa questo può fare al sostentamento di una persona e persino alle loro famiglie.

Il motivo principale per cui queste pratiche vengono implementate è che gli sviluppatori continuino a generare denaro anche dopo il rilascio del gioco. Sulla base delle statistiche, le microtransazioni fanno più in generale del gioco stesso e quei tipi di serie di giochi vengono rilasciati su base annuale con poche o nessuna modifica nel videogioco stesso. È estremamente raro trovare un gioco completo in qualsiasi negozio o mercato che non offra micro transazioni, anche se non influiscono sul gameplay, è comunque un grosso problema.

Se gli sviluppatori vogliono intrattenere i giocatori e investire nei loro videogiochi, dovrebbero sviluppare giochi di qualità invece di creare giochi che sono appena finiti carichi di micro transazioni. La tendenza dei giochi come servizio sta lentamente uccidendo la qualità dei videogiochi. Prima o poi alle persone non sarà nemmeno permesso di possedere completamente il gioco, tutto sarà solo un noleggio, ma il giocatore deve comunque acquistare un codice per giocare al noleggio e poi pagare il noleggio per giocare che non è nemmeno il loro. Guarda come suona pazzesco!? L’unico modo in cui tutto questo cambierà è se il giocatore sceglie di cambiare.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *